lunedì 6 aprile 2020

Crostata di porri in salsa Mornay



Una crostata salata molto gustosa, ideale per iniziare il pranzo di Pasqua o per festeggiare con un bel picnic la fine di questo periodo da incubo! 😷
Facile e golosa: porri, besciamella, gorgonzola... what else!

Ingredienti
per la pasta brisée: (se non si usa quella già pronta)
250 g. di farina 00
150 g. di burro, tagliato a pezzettini e ammorbidito
1 cucchiaino di sale
un pizzico di zucchero
1 uovo
un cucchiaio di latte freddo

per il ripieno:
4 porri grandi
1/2 cucchiaio di timo
sale q.b.

per la salsa Mornay
40 g. di farina
40 g. di burro
500 ml di latte
2 tuorli
200 g. di gorgonzola piccante (io ho provato anche quello dolce)
olio evo, sale, pepe q.b.

Procedimento.
Ricetta ripescata dall'ultimo numero di "Cucina moderna" di gennaio 2020 che sono riuscita ad acquistare...😖, nello speciale le besciamelle e le sue cugine ecco la salsa Mornay abbinata ai porri è veramente deliziosa. 
In origine si userebbe la panna in questo caso sostituita dal gorgonzola che dà un bel carattere e spinta alla crostata.
Preparate con calma la brisée anche il giorno prima, si conserva in frigo ben sigillata fino ad una settimana e nel freezer  fino a tre mesi.
La ricetta è quella super collaudata di Michel Roux.

Versate la farina a fontana sul tavolo, mettete al centro il burro, il sale, lo zucchero e l'uovo, poi mescolateli e lavorateli con la punta delle dita.
Incorporate piano piano la farina fino a che l'impasto diventa grumoso. Aggiungete il latte finché l'impasto comincia a compattarsi.
Lavorate fino a che diventa liscio. Formate una palla, avvolgetela nella pellicola e mettetela in frigo, usarla solo dopo almeno mezz'ora di riposo.

Lavate i porri, tagliateli a rondelle e metteteli in un padella piuttosto ampia. Versate un mestolino di acqua,  salate, coprite e cuocete per 5 minuti.


Aggiungete 3 cucchiai di olio, il timo e cuocete finché l'acqua sarà evaporata.
Prendete uno stampo da crostata e foderato, imburratelo, stendete la brisée che riposava in frigo, su un foglio di carta forno.


Adagiate la pasta brisée nello stampo, tagliate la pasta in eccesso che userete per fare le griglie sopra la crostata.
Distribuite all'interno i porri e lasciate raffreddare. Preparate la besciamella facendo sciogliere il burro in una casseruola, unite la farina e mescolate fino a quando diventa una crema. Stemperatela unendo il latte tiepido a filo e mescolate con una frusta fino all'ebollizione.
Aggiungete 100 g. di gorgonzola a pezzetti e fate sciogliere.
Fuori dal fuoco unite i tuorli e mescolate velocemente.
Versate la salsa nella tortiera sopra i porri.




















Aggiungete il gorgonzola rimasto a fiocchetti. Se vi è avanzata della pasta tagliatela a strisce e disponetela sulla crostata.
Cuocete a 200° per 15 minuti nella parte bassa del forno. Poi abbassate la temperatura a 180°  e proseguite la cottura per altri 30/35 minuti.


Servite la crostata tiepida, per me anche fredda è buonissima!





Read More

domenica 12 gennaio 2020

Zuppa di cipolle gratinate



Rientrati dalle feste si va di magro... ma non troppo: zuppa di cipolle gratinate alla francese,  l'adoro!
Amo la cipolla in tutte le sue varianti e colori.
Fortuna che anche il consorte non disdegna e nei miei piatti ne abuso volentieri, anche cruda!
La zuppa è molto carina servita in ciotoline individuali che si possono acquistare anche all'Ikea ad un presso irrisorio, semplici bianche, l'importante è che tengano la cottura in forno.

Ingredienti per 2 persone:
400 g. di cipolle bianche 
50 g. di burro 
1 cucchiaio raso di farina (io ho usato la 0)
4 fette di pane raffermo o pane in cassetta tostato
1 litro di brodo vegetale (o di pollo se lo preferite più saporito)
formaggio secondo gusto (gruviera un classico, nella versione più sicula caciocavallo semi stagionato oppure un semplice parmigiano reggiano che abbiamo sempre in frigo)
sale e pepe q.b.

Procedimento:
Preparate il brodo vegetale con carota, cipolla, pomodoro, sedano; io ho aggiunto anche un po' di dado vegetale fatto in casa da me.
Affettate finemente le cipolle e ammorbiditele nel burro scaldato (circa 30 g.)  facendole leggermente rosolare per 5 minuti.
Cospargetele con la farina aiutandovi con un colino per evitare che si formino grumi.




Bagnate con il brodo caldo che non dev'essere molto salato perché  se scegliete di usare un formaggio molto sapido come il parmigiano rischiate che la zuppa sia troppo salata. 
Versate il brodo poco per volta e mescolate di tanto in tanto.
Continuate la cottura a fuoco basso per circa mezz'ora, fino ad esaurire quasi tutto il brodo.


Togliete dal fuoco quando la zuppa è abbastanza densa.
Tostate le fette di pane in una padella antiaderente. 
Preparate la postazione di lavoro con tutti gli ingredienti.


Imburrate il fondo delle cocottine, versate un mestolino di zuppa e sistemate sopra una fetta di pane tostato, io ho dovuto "smussare" gli angoli per farla stare bene dentro. 


Cospargete di formaggio grattugiato secondo la quantità desiderata, una macinatina di pepe nero, altro mestolo di zuppa e si riparte con la stratificazione: pane, formaggio, pepe nero, zuppa.


Terminate con uno strato abbondante di formaggio grattugiato e il rimanente burro a tocchetti.


Passate le ciotole in forno già caldo a 200 gradi statico per circa 15 minuti o fino a quando sia ben gratinata in superficie.


Bon appétit!😋


Read More

lunedì 6 maggio 2019

Macaron finti... di amaretti morbidi




Quest'idea di colorare gli amaretti morbidi scimmiottando i macaron non è per niente male. Saltati tutti i passaggi di una preparazione delicata e non sempre di sicuro successo quale quella dei macaron non rimane che preparare la ganache al cioccolato.
Ammetto che questi amaretti "soft" sono stati una piacevolissima sorpresa; morbidi, gustosi si prestano benissimo alla ricetta che ho trovato nel numero di Maggio di "Cucina di Moderna".
Con la farcia al cioccolato sono superbi! 

Ingredienti per 8 finti macaron:
1 confezione di amaretti soft
2 cucchiai di rum
2 tinte di colorante alimentare (meglio se è liquido) 

Per la ganache:
100 ml di panna 
60 g. cioccolato fondente
40 g. cioccolato al latte

Nella ricetta c'era soltanto l'indicazione: amaretti morbidi, senza alcuna particolare specifica. Ci sono quelli di Sassello, sardi, di Gavi etc., a me hanno ispirato quelli d'Abruzzo, per forma ricordano molto i macaron.
Li trovate al super nel reparto biscotti. 



Preparate 2 ciotole, mettete un cucchiaio di rum in ognuna  di esse e sciogliete una goccia di colorante alimentare blu in una e rosso nell'altra. 
E' meglio usare colorante liquido, si scioglie meglio.



In ogni scatola ci sono 17 amaretti, intingetene (solo dalla parte del dorso) 8 nel colore azzurro e 8 in quello rosa, metteteli ad asciugare su carta forno per 2 ore.
Il rum non inficia il sapore degli amaretti se non li immergete completamente.


Preparate la ganache: mettete a scaldare la panna a bagnomaria e sciogliete il cioccolato.
Lasciate raffreddare bene e poi montate con le fruste.
Fate raffreddare in frigo.



Farcite gli amaretti con la ganache, in realtà avrei dovuto usare una sac a poche ma la pigrizia...😕


Ed eccoli qui! Veloci, colorati, squisiti e insoliti!


Read More

venerdì 19 aprile 2019

Snack cocco e cioccolato (quasi un bounty)


Buonissimi, piuttosto facili da fare e golosissimi. Gli ho provati in tutti i modi, senza cocco, con il cocco, con lo stecco per i lecca lecca e senza! Il maritozzo ne è goloso e ne conserva qualcuno in freezer perché possono diventare dei piccoli gelatini.😊 
Può essere un'idea per una festa sia tra adulti che tra bambini, soprattutto perché si possono preparare in largo anticipo e si conservano benissimo in frigo!

Ingredienti per circa 16 biscotti:
1 confezione di oswego (quello leggero senza olio di palma)
250 ml. di mascarpone
200 ml. di panna da montare
80 g. zucchero a velo (io uso quello vanigliato)
80 g. di farina di cocco
2-3 confezioni di glassa al cacao Paneangeli (uova di Pasqua da riciclare)

Preparate la crema al mascarpone: tirate fuori dal frigo il mascarpone per renderlo più morbido; unite la panna e amalgamate bene insieme allo zucchero a velo. 
Montate la crema con una frusta o con  la planetaria fino a quando non sia ben soda. Questa farcitura la uso anche per la cream tart.

N.B. -> Se decidete di raddoppiare le dosi con lo zucchero a velo mantenetevi sui 130 g. altrimenti diventa troppo dolce! 


Incorporate la farina di cocco fino ad esaurirla. Deve venire un impasto compatto e facilmente manipolabile.


Spalmate un consistente strato di crema, spesso circa 2 cm., sulla parte interna di un biscotto,  avendo cura di non romperlo e adagiate l'altro di sopra.
Con un coltello eliminate la farcitura in eccedenza e mettete da parte il biscotto.
Se non Vi piace il cocco potete farcire i biscotti solo con la crema al mascarpone sono buonissimi lo stesso! In questo caso potete insaporire la crema con semi di vaniglia biologica



In un pentolino d'acciaio sciogliete la glassa (o il cioccolato) a bagnomaria fuori dalla confezione.
Metteteli in freezer a rassodare per circa 1/2 ora. 


Dopo mezz'ora cominciano "le grandi manovre" per la copertura!
L'ideale sarebbe mettere tutti i biscotti su una gratella e versare sopra abbondante glassa al cacao con un contenitore sotto per raccogliere il cioccolato ma io non avendo adeguati strumenti da pasticceria ho sperimentato diverse altre opzioni, scegliete quello che per Voi è più funzionale.

1) Trasferite il cioccolato fuso in un recipiente e con l'aiuto di una spatola da cucina ricoprite i biscotti tenendoli con le dita.


2) Infilzate ogni biscotto con uno stuzzicadenti e immergetelo nella ciotola per coprirlo interamente.


3) Versate il cioccolato fuso in una tazza molto alta come quella della foto, infilzate delicatamente ogni biscotto che dev'essere ben freddo con uno stuzzicadenti o uno spiedino di legno e immergete ogni biscotto velocemente nella tazza.
Il contrasto caldo/freddo farà solidificare subito la copertura.
Io ho provato anche ad inserire dei bastoncini per cake-pops o lecca-lecca prima di passare i biscotti in freezer e il risultato non è male, anche per la presentazione! I bastoncini, quelli bianchi, si possono acquistare anche al supermercato.

Mettete a rapprendere, sempre, su carta forno, il cioccolato si staccherà facilmente.




Fino ad ora, ne ho fatti veramente tantissimi, gli ho tenuti in frigo dentro un contenitore per alimenti o di plastica o di vetro, si mantengono fino a 4 giorni, se pensate di consumarli per un tempo più lungo metteteli in freezer.
Abbiate cura di tirarli fuori un po' prima di consumarli per far ammorbidire la farcia. Se li fate con lo stecco per i lecca lecca sembreranno proprio dei gelatini!


Buon appetito! 😄
Read More

martedì 16 aprile 2019

Angelica salata!



Ho rispolverato il "vecchio" buon libro delle sorelle Simili  (Pane e roba dolce) e dato che la versione originale dell'Angelica dolce l'ho già fatta qui anni e anni fa... mi è rimasta sempre la curiosità di provare la versione salata! Ed eccola qua! Profumatissima e buonissima! 
La pasta brioche è morbida e tenera e si sposa benissimo con i salumi! 

Ingredienti per il lievitino:
135 g. di farina di forza (io ho usato metà manitoba e metà farina 0)
13 g. di lievito di birra 
75 g. di acqua tiepida

Ingredienti per l'impasto:
175 g. farina di forza (manitoba)
175 g. di farina 0
50 g. parmigiano
10 g. di sale
120 g. di latte tiepido
3 tuorli d'uovo
pizzico di zucchero
120 g. di burro (morbido)

Per la farcitura:
100 g. di prosciutto cotto in un'unica fetta a dadini
100 g. di salame a dadini
100 g. di caciotta a dadini
50 g. di olive taggiasche snocciolate e a pezzetti
20 g. di pomodoro secco sott'olio
20 g. parmigiano grattugiato
olio evo


Preparate il lievitino amalgamando tutti gli ingredienti e lasciate lievitare al caldo coperto per 30 minuti.



Nella planetaria mettete la farina, i tuorli, lo zucchero, il sale e il latte tiepido, impastate con il gancio a foglia, poi passate a quello ad uncino e  unite il burro molto morbido. Per l'impasto a mano, mettete la farina in una ciotola a fontana e dentro mettete tutti gli ingredienti e amalgamate con un poco di farina alla volta e alla fine aggiungete il burro.
Unite il lievitino ed impastate in modo tale da far amalgamare bene i due impasti. Quando è tutto bene uniforme rimettete l'impasto nella ciotola e lasciate lievitare coperto e al caldo per un'ora.


Mentre lievita tagliate i salumi, il formaggio, il pomodoro secco e le olive a piccoli dadini.
Quando ha raddoppiato il suo volume rovesciate su carta forno (è meglio per trasferire l'angelica nella teglia), senza lavorarlo e stendete formando un rettangolo spesso 2-3 mm.



Cospargete con il mix di salumi, olive, pomodoro e il parmigiano. completate con un filo d'olio evo e arrotolate stretto dalla parte più lunga.



Tagliate il rotolo a metà per lungo con un coltello sottile, infarinandolo ogni tanto. Separate i due pezzi, girateli tenendo il lato tagliato verso l'alto, formate una treccia e chiudete a ciambella (passaggio critico perchè i salumi sfuggiranno da tutte le parti!)



Spostate l'angelica in una leccarda, pennellate con burro se volete la brioche più soffice o con dell'olio per avere una crosta più croccante. Per mantenere la forma del buco durante la lievitazione si può mettere in mezzo una tazza o una ciotola e fate lievitare 30/40 minuti coperto.

Accendete il forno a 200° C, infornate e cuocete per 20-25 minuti.
Ed eccola qua profumatissima e sofficissima!



E' un'idea sfiziosa per la scampagnata della pasquetta!
E' buona da consumare fino a tre giorni

Read More

martedì 9 aprile 2019

Favolosa cream tart




La torta del momento: la Cream Tart!
Semplicemente una crostata, alla crema, stratificata!
Una "genialata" della pasticcera  Adi Klinghofer, mito indiscusso della cream tart!
Non pensiate che sia impossibile... anzi è piuttosto semplice e dopo un po' prenderete la mano con la sac à poche e vi piacerà pure tanto!
Ho cercato per un po' una buona ricetta per una pasta frolla delicata e facile da tagliare; finalmente l'ho trovata in questo meraviglioso blog di dolci russo. La bravissima blogger ha anche un canale youtube illuminante!

Ingredienti:
Per l'impasto della crostata
380 g di farina 00
2 uova
150 g di zucchero semolato
50 g di miele

100 g di burro
1 cucchiaino di semi di vaniglia
1 cucchiaino di lievito in polvere
pizzico di sale

Per la crema al mascarpone
500 g di mascarpone
500 ml di panna da montare
130 g di zucchero a velo

Per decorare
Fiori di zucchero o freschi,  meringhe, macaron, confetti, caramelle, frutta fresca  (soprattutto fragole) o qualsiasi altra cosa vi venga in mente!

Preparazione:
In un pentolino unite le uova, lo zucchero semolato, il miele, il pizzico di sale e il cucchiaino di vaniglia. Cuocete a fuoco medio, aggiungete anche il burro a pezzi e mescolate velocemente.


Continuate finché non comincia a bollire, ma non completamente.
Spegnete, lasciate intiepidire e aggiungete una parte della farina insieme al lievito. 


Versate l'altra metà della farina sul piano di lavoro e incorporatela delicatamente fino ad ottenere un impasto liscio e un po' appiccicoso. 
Formate un panetto, avvolgetelo nella pellicola e lasciatelo riposare in frigo per 1 ora.


Preparate la forma che desiderate di più: per i numeri o le lettere procuratevi del cartoncino e ritagliateli della grandezza desiderata oppure usate tagliapasta a forma di cuore se li avete. 
Preriscaldate il forno a 180° C.
Stendete l'impasto su carta forno a circa 1/2 cm di spessore.
Ricavate 12 cuori da 15 cm circa per ottenere 6 crostate.
Io ho utilizzato forme sia piccole che grandi. Trasferite la carta forno sulla teglia distanziando bene i biscotti e infornate per 6-8 minuti.
Usate la pasta in eccesso per fare dei piccoli cuori da usare per le decorazioni.



I biscotti non devono colorarsi molto sopra, dovrebbero gonfiare ed espandersi un po'.
La base, invece, dovrebbe essere marrone dorato.
Lasciateli raffreddare completamente prima di decorare.


Preparate la crema al mascarpone mescolando il mascarpone, a temperatura ambiente, alla panna fredda e allo zucchero a velo, quando sono ben miscelati montate tutto fino a quando non risulta ben soda.


Riempite una sac à poche con un beccuccio tondo e decorate metà dei biscotti  coprendo la superficie del biscotto con 2 file di glassa.



Posizionate delicatamente un secondo biscotto sopra il primo e ripetete il motivo della glassatura.


Decorate la parte superiore del biscotto con fiori freschi, frutta fresca, macarons o qualsiasi altra cosa vi piaccia!
Ripetete la glassatura per ogni crostatina fino a quando saranno tutte decorate.


Le ho decorate anche con fragole e gocce di cioccolata... una goduria!😋


Secondo me sono molto più buoni se, dopo la farcitura le crostatine rimangono a riposare in frigo per almeno un'ora, così la glassa può rassodarsi un po' e i biscotti ammorbidire un pochino.
Se volete potete effettuare la preparazione in anticipo sia dei biscotti che della crema ma l'assemblaggio è meglio farlo qualche ora prima dell'utilizzo. 



Read More
Powered by Blogger.

© 2011 Armonia di Mandorle, AllRightsReserved.

Designed by ScreenWritersArena