mercoledì 28 maggio 2014

Insalata di riso Venere, gamberetti e rucola


 

Domenica scorsa inaugurata ufficialmente la stagione balneare con relativo ed usuale pranzo "veloce" sotto l'ombrellone o comunque in spiaggia! Ora ragioniamo ad alta voce: - "Vi sembro io il tipo che in spiaggia si accontenta di un panino o di un toast o della classica insalata di riso che fanno tutti? Guardatemi bene negli occhi... Vi sembro? Nooo, chiaro!" Con immenso e puntuale disappunto del marito che ogni volta mi chiede se per Lui ho portato qualcosa di semplice che solitamente rientra in una delle tre cose suelencate. Stavolta per Lui avevo in serbo la Torta salata di girelle (apprezzatissima) e per me ho voluto provare questo riso Venere che dicono essere afrodisiaco, con gamberetti e rucola.

Ingredienti per 3 persone:
200 gr. di riso Venere Parboiled
150 gr.di gamberetti sgusciati
1 scalogno
50 gr. di rucola 
1/2 bicchiere di vodka
1 noce di burro
sale e pepe bianco q.b.

La preparazione è abbastanza semplice e veloce. Fate bollire il riso in acqua salata per 18 minuti come suggeriscono le istruzioni nella confezione.


Mentre il riso cuoce, in una padella fate rosolare lo scalogno con una noce di burro, unite i gamberetti sgusciati, privati del budello e lavati. Fateli insaporire pochino, alzate la fiamma ed unite la vodka. 



Lasciate evaporare l'alcool a fuoco vivace e regolate di sale. A cottura ultimata unite la rucola spezzettata e spegnete. Insaporite con una macinata di pepe bianco e aggiungete il riso.


Fine della ricetta! Il sapore del piatto, in generale è molto delicato, quello del riso è particolare, non è forte ma piacevole ed è vero... si abbina benissimo al pesce! Per l'effetto afrodisiaco non saprei, provate Voi!;-)
Nota alcoolica: io avevo la vodka ma va benissimo brandy o cognac! Hic!;-)


Read More

martedì 27 maggio 2014

Torta salata di girelle: quasi una pizza!


Prima di spiegare la preparazione di questa "coreografica" torta salata  devo fare dei ringraziamenti ad effetto domino! Ringrazio il primo della lista  Nico (o meglio u zu' Nix) per avermi suggerito questo sito, ringrazio il suddetto sito senza il quale non avrei spalancato lo sguardo culinario su un mondo fatto di una serie di video russi tra cui questo e ovviamente ringrazio lei la fantastica signora russa che ha postato i video su come tagliare artisticamente sia torte salate che dolci! Grazie di cuore!
Ovviamente la visione del video sarà  più esplicativa del mio passo passo ma io ci provo lo stesso a spiegarvela!;-)
Esaltata dalla facilità della preparazione e dal risultato meraviglioso l'ho provata in due versioni: impasto preparato da me e pasta pronta per la pizza acquistata all'Auchan reparto freschi/panetteria (per essere precisi precisi!);-)
Ho provato anche due tipi di farcitura, se avete pazienza...

Prima preparazione.
Ingredienti per l'impasto (torta piccolina 25 cm):
150 gr. di farina manitoba
100 gr. di farina 0
125 ml. di acqua
12 gr. di lievito secco di pasta madre
1/2 cucchiaio di zucchero
un pizzico di sale

Per la farcia:
50 gr. di pomodoro secco a pezzetti 
20 gr. di capperi sotto sale
4 olive giganti nere denocciolati
2 acciughe diliscate
1 cipolletta nuova 
un pizzico di origano
1 filo d'olio evo
una grattatina di pecorino siciliano stagionato


L'impasto in pratica è metà della dose delle Rosette salate e si segue lo stesso procedimento.
Mescolate il lievito con la farina e l'acqua e impastate anche a mano fino ad ottenere un impasto omogeneo, formate una palla, mettetela in una ciotola infarinata, coprite con la pellicola e mettete a lievitare. A me serviva il giorno dopo ed ho messo la ciotola in frigo, lievita lentamente ma lievita! Tiratela fuori un'ora prima e trattatela esattamente come un normale impasto, non lavoratelo ma stendetelo direttamente.



Nel frattempo tritate tutto insieme: il pomodoro, le olive, la cipolletta nuova, i capperi (sciacquati prima), le acciughe, il filo d'olio e l'origano.


Con una spatola spalmate la "salsina" sulla sfoglia di pasta. Grattugiate abbondante pecorino siciliano. Arrotolate dal lato più lungo. Formate un "salsicciotto" e mettelo sopra una leccarda foderata con carta forno a forma di ciambella.

Tagliate un pezzetto e mettetelo da parte. Unite le parte interna della corona.
Con una forbice cominciate a tagliare delle "girelle"" dall'esterno verso l'interno arrivando fino ad 1 cm. dal bordo. I tagli, regolari, devono essere praticati ad una distanza di almeno 2 cm. l'uno dall'altro. Le foto sono più esplicative!;-)


Importante: le girelle devono essere di numero dispari! 
Adesso arriva il bello! Cominciate dalla parte da dove avete tolto il rotolino, prendete una girella e ruotatela in verticale verso l'interno.



Le successive due girelle appiattitele verso la base sovrapponendole lievemente.


Ruotate la successiva sempre verso l'interno e proseguite con questo ritmo: 1 dentro e 2 fuori. Mettete nel centro, vuoto, il pezzetto che avete tagliato prima! Lasciate riposare mezz'oretta e infornate a180° C per mezz'ora circa, deve avere un bel colore dorato!


 Attenti al profumino... meraviglioso!



Seconda preparazione.
Per l'impasto:
Acquistate una confezione da 400 gr. di impasto per pizza pronto!

Per la farcia:
30 gr. di pomodoro secco
10 gr. di capperi sotto sale
4 olive nere grandi denocciolate
2 cucchiai di estratto di pomodoro
4 fette di formaggio galbanino
basilico fresco q.b.

un pizzico di origano
un filo di olio evo

Stendete la pasta pronta con il matterello ad uno spessore sempre di 1/2 cm. circa. Tritate tutti gli ingredienti insieme tranne il formaggio e il basilico.



Spalmate sulla sfoglia la farcitura ottenuta e distribuite il basilico e le fette di galbanino tagliate a listarelle. Arrotolate e procedete come descritto prima, compreso il riposo di mezz'ora. Infornate a 180°C per 30 minuti. Ecco la seconda versione pronta! L'ho portata in spiaggia ed è piaciuta molto!;-)


Da provare! Semplice, gustosa e d'effetto!;-)



Read More

mercoledì 21 maggio 2014

Lasagnette last minute: prosciutto crudo, zucchine e piselli!


Chissà perchè con tutto il tempo che ho durante il giorno mi riduco a dovere inventare una pietanza last minute per la cena! In realtà stavolta lo so!
La  farcitura scelta per la pizza di pasta sfoglia non andava a genio al mio commensale preferito che con un laconico: - "Ho fiducia nella tua fantasia" mi ha liquidata simpaticamente lasciandomi col dubbio che mi stesse prendendo un po' per il bip! Comunque grazie al mio frigo delle meraviglie che fa concorrenza alla mitica borsa di Mary Poppins ho combinato un po' di elementi naturali con altri animali e alla fine il commensale di cui sopra ha dichiarato soddisfatto: - "Oh vedi che qualcosa è venuta fuori... e anche buona!" (Confermo... mi ha presa un po' per il bip, 2 volte consecutive!;-))

 Ingredienti per 1 persona:
120 gr. di lasagnette di semola
1 zucchina verde
30 gr. di piselli
2 fette di prosciutto crudo
un cucchiaio di philadelphia (cioè quella che avevo in frigo!)
1 cipolletta
burro
sale, pepe q.b.


Scongelate i piselli in un padellino con un po' d'acqua e metteteli da parte. Affettate la zucchina e friggetela. In un padellino sciogliete una noce di burro e fate soffriggere la cipolletta. Rosolarvi le verdure di prima, fatele insaporire un pochino, aggiustate di sale e di pepe.


Nel frattempo tagliate a listarelle sottili il prosciutto crudo e aggiungete la philadelphia alle verdure come legante. Se Vi sembra un po' compatto aggiungete qualche cucchiaio del liquido di cottura della pasta. Quando le lasagnette sono pronte (6 minuti esatti!) unitele al condimento e mescolate  bene. Impiattate e cospargete il prosciutto sopra la pasta.



 Effettivamente... non male!;-)





Read More

martedì 20 maggio 2014

Uova strapazzate e zucchine profumate al curry

 

Eh no! Stasera non posso cenare con qualcosa di pesante dopo che nel pomeriggio ho fatto fuori un paio di mattonelle di Bourbon per merenda!
Ho il frigo carico di zucchine ma è esclusa la preparazione della pasta con la ricotta salata (una delizia catanese superveloce!) perchè non posso aggiungere altri carboidrati sullo strato dei carboidrati pomeridiani!, farle bollite? Mmmm mica sono malata di stomaco! Ci vuole qualcosa di sfiziosetto e velocissimo! Fortuna che ho preso l'abitudine di fotografare tutto quello che cucino... anche l'acqua bollita tra un pochino!;-) Ed ecco qui la mia cena gustosissima e veloce: uova con zucchine, cipollotto, menta fresca e curry!

Ingredienti per 1 persona:
2 zucchine medie
1 uovo
1 cipollotto
1 rametto di menta fresca
curry
olio evo
sale q.b.

Lavate e tagliate le zucchine a cubetti (con tutta la buccia), più o meno allo stesso spessore di un dado. Fatele soffriggere in poco olio d'oliva e regolate di sale.


Quando stanno prendendo colore, il fuoco dev'essere vivace se no si ammosciano, unite il cipollotto affettato grossolanamente.


Si sprigionerà un odore buonissimo, a me piace molto la cipolla fritta! Mescolate sempre e con un cucchiaio di legno, aggiungete la menta spezzettata e il curry (io uso quello piccante).


Lasciate insaporire a fuoco moderato e aggiungete l'uovo.


Rimestate velocemente per farlo mischiare con gli altri ingredienti!
Decidete Voi la consistenza, a me l'uovo piace ben cotto e lo mescolo fino a quando non si sarà ben rappreso!
Prontoooo, a tavolaaaa!
E per Lui? Lui è secco come un chiodo quindi pasta alla puttanesca! 
Questo è solo pour moi!


Che profumino! Cipolla, curry e menta simbiosi perfetta!;-)


Read More

Mattonelle di Bourbon imbottiti di brownies

 

Il titolo della ricetta lascia presagire qualcosa di non molto dietetico... il presagio è proprio una realtà! Se siete a dieta per la prova costume imminente cambiate pagina, cambiate blog o cambiate dieta!
I Bourbon sono dei biscotti tipici inglesi da inzuppo nel thè. Secondo la mia fonte, "Il meglio di forno & fantasia", fecero la loro prima apparizione nel 1910, erano (lo sono tuttora) rettangolari, farciti di crema di cioccolato fondente e al tempo si chiamavano Creola. Erano prodotti a Londra dalla Peek Freans in una zona della città, Bermondsey, che divenne nota come “Biscuit Town”. Secondo Wikipedia l'attuale nome si deve alla casa reale europea Borbone (House of Bourbon), da noi quelli del regno delle due sicilie!
I miei Bourbon, giusto per differenziarmi dagli inglesi, sono più piccoli e quadrati, perchè le formine che ho sono quadrate, all'interno la ricetta prevede un brownies al cacao amaro ed una ganache al cioccolato fondente, a differenza degli english style che hanno una farcia alla crema di burro!
Non sono difficili da realizzare ad esclusione dei piccoli fori che vedete, ecco quelli sono proprio fastidiosi. Potrebbe essere la giusta punizione per un figlio, nipote o parente poco simpatico.
Si potrebbe utilizzare come minaccia: “.... se non fai il bravo ti metto a fare i buchi nei biscotti!” Fori a parte sono veramente buoni e piuttosto facili.
Se volete realizzarli nella loro forma originaria la ricetta suggerisce di ritagliare un rettangolo di carta 6 x 10 cm. con gli angoli smussati, dopo Vi sfido a mangiare per intero una sola di queste mattonelle così grosse!;-)

Ingredienti per 20 biscotti 5x5:

per la pasta biscotto
125 gr. di burro ammorbidito
125 gr. di zucchero
1 uovo sbattuto
275 gr. di farina
5 gr. di lievito per dolci
8 cucchiai di cacao amaro (circa 100 gr.)
8 cucchiaini di latte

per i brownies
175 gr. di burro
125 gr. di cacao amaro
3 uova
350 gr. di farina 00
1 cucchiaino di estratto di vaniglia

per la ganache
100 gr. di panna fresca
100 gr. di cioccolato fondente

Per i biscotti:  lavorate il burro con lo zucchero fino a renderlo cremoso, unite l'uovo, poi la farina e il cacao.


Aggiungete il latte, l'impasto deve risultare morbido e facilmente lavorabile con le mani. In sostanza è una sorta di pasta frolla al cacao. Avvolgete con la pellicola per alimenti e lasciate in frigo per 20 minuti.


Mentre la pasta per i biscotti è nel frigo a riposare preparate i brownies.
Per i brownies: fate sciogliere il burro a bagnomaria e mescolatevi il cacao.
Battete con le fruste le uova insieme allo zucchero fino ad ottenere un composto soffice e spumoso. Incorporate la miscela di cacao e burro, quindi amalgamatevi la farina e l'estratto di vaniglia


Riprendete la pasta dal frigo, stendetela ad uno spessore di 3 mm., se avete optato per il rettangolo ritagliate la forma con un coltellino altrimenti se, come me, avete le formine quadrate, ricavate 19/20 biscotti. Foderate una leccarda con carta forno e disponetevi le sagome dei biscotti, con il dorso di uno stecchino, praticate dei fori a distanza regolare, ci vorrà tanta pazienza e delicatezza, ruotate lo stecchino così siete certi che quando lo estrarrete dalla pasta si staccherà con facilità.


 

Nel frattempo accendete il forno a 180° C statico e infornate  per 10 minuti, fateli raffreddare su una gratella.

Biscotti pronti! Freddi.
Imburrate una teglia, stendete la carta forno, spalmatevi l'impasto dei brownies in uno strato di 1 cm. al massimo, infornate per 7 minuti sempre a 180° C statico.


Per la ganache: mettete a scaldare a bagnomaria 100 ml. di panna, prima che inizi a bollire sciogliete il cioccolato a pezzi, lasciate raffreddare, quando è completamente freddo montate con uno sbattitore elettrico fino a renderlo sodo.


L'assemblaggio deve avvenire all'ultimo momento, per evitare che la farcia renda molli i biscotti.
Questi ultimi si conservano in un contenitore a chiusura ermetica per circa 24 ore avvolti in carta forno. Non conservate la ganache in frigo perchè si rassoderà talmente tanto da non poterla più spalmare sui biscotti.
Potete preparare tutto il giorno prima e la ganache nel momento in cui vi serve.
Con lo stesso tagliabiscotto 5x5 (o con uno più piccolo 4x4) tagliate i brownies, spalmate un biscotto di ganache, poggiatevi un brownie, poi uno strato di ganache e infine un secondo biscotto.




Qualche nota su questa versione di Bourbon: la friabilità del biscotto si miscela magnificamente con la cremosità dell'interno; preparateli solo se siete follemente innamorati del cioccolato, non sono dolci ma moooolto cioccolattosi; Vi avanzerà della pasta per brownies perchè la ricetta originaria prevede 2 brownies all'interno, secondo me diventa impossibile mangiarli quindi potete mangiare i brownies così o dimezzare la dose; infine, la prossima volta voglio farcirli con una cremina di panna, mascarpone e vaniglia.. per spezzare il gusto preponderante del cioccolato!
Intanto questi sono stati spazzolati dai commensali dopo un lauto pasto... qualcosa vorrà dire!;-)
Read More

martedì 13 maggio 2014

Sformato di riso con pistacchi e robiola


E' notorio che non amo molto il riso, non so perchè, forse quand'ero piccola mamma Graziella me lo propinava in bianco quando stavo male (cosa che succedeva spesso);-) e quindi ho sviluppato un'antipatia quasi congenita verso questo alimento da prepararlo solo se ho ospiti oppure se la ricetta è veramente sfiziosa!
In questo caso la congiuntura ha voluto entrambe le situazioni e quindi eccomi qui a cimentarmi nientedimenocchè con uno sformato, dal sapore molto delicato e accattivante, ispirata da una ricetta di qualche anno fa trovata nella mia rivista preferita. Le foto non sono proprio da concorso fotografico, le ho rubate mentre portavo a tavola la pietanza, ma credo siano piuttosto esplicative!;-)

Ingredienti per 4/6 persone:

450 gr. di riso Carnaroli
2 porri
100 gr. di robiola
100 gr. di formaggio philadelphia
20 gr. di parmigiano grattugiato
80 gr. di pistacchi di Bronte freschi sgusciati
1 albume
40 gr. di burro
150 ml. di vino bianco
1 l. di brodo vegetale 
sale e pepe bianco q.b.

Affettate i porri a rondelle e fateli appassire nel burro.


Unite il riso, tostatelo per qualche minuto e sfumate col vino. Preparate il brodo anche con 1/2 dado vegetale. Io per velocizzare l'operazione metto l'acqua nel bollitore elettrico, in 1 minuto bolle, la trasferisco in un pentolino e lì sciolgo il dado. Di solito ne preparo un po' più di 1 litro perchè il riso potrebbe assorbire più del doppio del proprio peso in termini di acqua.


Aggiungete un mestolo d'acqua alla volta, a fuoco medio, aggiustate di sale e continuate la cottura fino a quando il riso è perfettamente al dente.

 

Nel frattempo prendete uno stampo da plumcake da 1 litro, bagnate un pochino la carta forno, strizzatela e foderatelo.

 

Nel frattemppo tritate 3/4 dei pistacchi  ( ma se volete abbondate pure... non guastano mai), mantecateli insieme ai due formaggi, all'albume e ad un pizzico di pepe bianco. Questo tipo di pepe ha un sapore meno invasivo del pepe nero ed è ideale per risotti, pesce e verdure.


Quando il riso è pronto, spegnete il fuoco e aggiungete il parmigiano e il composto di formaggi e pistacchi.

 

Versate il risotto nello stampo, livellate bene ed infornate a 180°C per 10 minuti. Lasciate raffreddare un pochino e sformate direttamente sul piatto di portata. Va servito guarnito con il resto dei pistacchi tritati messi da parte.
Il sapore è veramente delicato, poi i pistacchi... io gli adoro!;-)


Potete prepararlo tranquillamente in anticipo, la mattina per la sera ed infornarlo al momento, non va gustato caldissimo. Successo assicurato!;-)
Manuela... come promesso ricettina postata! Per te che hai il bimby dev'essere ancora più facile!
Read More
Powered by Blogger.

© 2011 Armonia di Mandorle, AllRightsReserved.

Designed by ScreenWritersArena