lunedì 24 marzo 2014

Arrosto delle feste (in casseruola)


Questo è l'arrosto (di vitello) che mia madre propone ogni volta che ci riuniamo in tanti o quando, durante i giorni di festa, non vuole sprecare del tempo in cucina per godersi la festa in santa pace.
Cosa alquanto rara poichè le donne della mia famiglia amano "faticare" in cucina, compresa la sottoscritta; è una cosa che abbiamo nel DNA e credo dipenda dalla mia incredibile nonnina materna: Giovanna, cuoca sopraffina ed instancabile in cucina dove voleva stare assolutamente da sola... mmmh mi ricorda qualcuno (io se si avvicinano mentre sono concentrata sui fornelli... mordo!).
Può essere preparato il giorno prima e lasciato in casseruola in mezzo al sughetto, si conserva benissimo. E' veramente semplice da preparare e molto gustoso. Un contorno ideale sono le patate fritte o fatte a purè.

Ingredienti per 3/4 persone:
600 gr. di carne per arrosti (in genere girello, controgirello)
una cipolla bianca 
3/4 foglie di salvia
2 foglie di alloro
3 rametti di rosmarino
1 gambo di sedano
1 noce di burro
1/2 bicchiere di vino bianco o rosso
olio evo
sale e pepe q.b.

Per il taglio di carne potete chiedere al Vostro macellaio o leggere qui è un documento PDF (che scaricherete appena cliccate) sui vari tagli di carne ed il loro impiego.
Scegliete una casseruola con bordo basso, antiaderente e con coperchio. Rosolate la carne senza olio per circa 10 min. a fuoco vivace per formare una crosticina onde evitare la fuoriuscita dei succhi durante la cottura. Per rigirare la carne non infilzatela con la forchetta ma aiutatevi con una paletta. Aggiungete gli aromi, la cipolla affettata, la noce di burro, un filo d'olio, coprite e mettete a fuoco basso. Lasciate cuocere per 1 ora o 1 ora e 1/2 a seconda della grossezza della carne.

 

Rigirate ogni tanto l'arrosto, sempre con una paletta.


 Qui dopo 1/2 ora di cottura 


A metà cottura aggiungete il vino, io preferisco il rosso, Voi regolatevi come più Vi piace!

 

 Quasi a fine cottura assaggiate il sughetto e regolate di sale; aggiungete una macinata di pepe nero.

 
 

 A fine cottura lasciate raffreddare, levate la rete ed affettate su di un piatto di portata.

Filtrate il liquido di cottura con l'aiuto di un colino e tenetelo al caldo nella casseruola. Poco prima di servire l'arrosto irrorate le fette con questo sughetto e se avanza mettetelo a tavola in una ciotola a disposizione di chi volesse fare "scarpetta" o insaporire ulteriormente le fettine.


Mia madre per mantenere caldo l'arrosto affettato mette il piatto di portata, coperto d'alluminio, dentro il forno riscaldato e spento, questo perchè il mio papà ama le cose bollenti.


Ottimo e veloce!;-) Io sono stata anche più veloce a mangiarlo (avevo fame) tanto da dimenticare di fare le foto delle porzioni nei piatti!:-( sorry, sorry!

1 commenti:

Kat ha detto...

E della patate fritte fritte che si fanno da contorno col sughetto della carne ne vogliamo parlare ?! Che buono tutto !!!!

Powered by Blogger.

© 2011 Armonia di Mandorle, AllRightsReserved.

Designed by ScreenWritersArena