sabato 4 gennaio 2014

Rosette salate




Beh le feste non sono ancora finite e non è tempo di mettersi a dieta (sigh!), continua il giro degli inviti, ospiti vanno, ospiti vengono e sa da cucinà! Anche questa ricetta è presa dal numero di Aprile di Cucina Moderna 2009 (li conservo tutti dal 2007!) ma è una "ricetta d'autore" della mitica Anna Moroni. Come dice anche l'introduzione sul giornale, questa torta salata ricorda la "Torta delle rose" che, riporto testuale: è un dolce tipico della pianura Padana. Questo mi fa ricordare che la mia cara cuginetta ha una ricetta "meravigliosa" di questo dolce, praticamente ogni rosa si scioglie in bocca quindi colgo l'occasione per invitarla a condividerla con noi... non si sa mai sotto l'influsso del Natale sia diventata più generosa nello svelare i segreti delle sue meraviglie culinarie!;-)

Ingredienti per 8 persone:

500 gr. di farina
25 gr. di lievito di birra
1 cucchiaino di zucchero 
1 cucchiaino di sale
250 ml d'acqua
200 gr. prosciutto cotto
300 gr. di pepato fresco (siciliano)
200 gr. di caciottina fresca
200 gr. di galbanino
200 gr. di olive nere denocciolate (infornate o Gaeta o taggiasche)
2 cipollotti 
pomodorini secchi sott'olio q.b.
sale, peperoncino rosso
olio e.v.o.


Nella ricetta non si specifica il tipo di farina, io utilizzo 1/2 manitoba* e 1/2 farina 0 per pizza*. Il condimento originario prevede salame napoli (300 gr.), spinaci lessati (500 gr.) e primo sale (300 gr.), quella che riporto è la mia versione sicula.
Sbriciolate il lievito in una ciotola insieme allo zucchero e 50 ml di acqua tiepida, mescolate e fate riposare per 5 minuti. Se usate il lievito madre essiccato saltate questo passaggio e aggiungetene 20 gr. direttamente nella farina, 250 ml d'acqua e impastate nella planetaria con il gancio a foglia fino ad ottenere un impasto omogeneo.



Fate una palla, mettetela in una ciotola infarinata, incidetela con 2 tagli a croce, coprite con un telo umido e fate lievitare in un luogo caldo per almeno un'ora.

Dopo un'ora di lievitazione
Dividete la pasta a metà, appiattitene una con le mani e lavoratela con energia, mettete due gocce di olio nelle mani e lavorate piegandola e tirandola almeno 3/4 volte. Fate la stessa cosa con l'altra metà e stendetele entrambe con il matterello infarinato in modo da ottenere 2 sfoglie sottilissime larghe circa 20 cm. Se in alcuni punti la sfoglia si buca non è un problema, dovendola arrotolare i buchini verranno coperti.






Coprite ciascuna sfoglia con la metà degli ingredienti previsti. Importante: per facilitare l'arrotolamento posizionare gli ingredienti nel verso dell'arrotolamento stesso, completate con un filo d'olio, sale e peperoncino.

Il formaggio è tagliato a listarelle
Qui ho aggiunto i pomodori secchi oltre agli altri ingredienti
Ripiegate i bordi sul condimento per evitare che gli ingredienti fuoriescano dalla sfoglia.


Arrotolate le sfoglie una alla volta, tirandole un poco e tenendole piuttosto strette per ottenere dei rotoli molto compatti.



Tagliate il rotolo a tronchetti alti 5 cm circa, mediamente se ne dovrebbero ottenere 7/8. Cercate di chiudere l'estremità che dovrà essere poggiata nella teglia, tirando la pasta da sotto e posizionate i tronchetti in una teglia di 28 cm leggermente oleata con l'estremità aperta verso l'alto.


Prima di infornarla la torta si presenta così
Infornate a 220°per 30 minuti, a fine cottura fate raffreddare nel forno spento, dopo si può facilmente estrarre e porre in un piatto di portata, servitela tiepida.
Dopo la cottura
 

A tavola
Un boccone delizioso!
E' una torta di sicuro effetto in un buffet e molto simpatica da servire come antipasto in una cena perchè ognuno può staccare la propria rosetta da sè!;-)










2 commenti:

Kat ha detto...

E' la mia preferita .... L'adoro e nn vedo L' ora di rifarla!

Kat&Ro' ha detto...

Brao! Scegli il ripieno che ti piace di più!;-)

Powered by Blogger.

© 2011 Armonia di Mandorle, AllRightsReserved.

Designed by ScreenWritersArena